• Meditazioni / Pratichiamo Yoga

    meditazione per sbarazzarti dei tuoi “Non posso”

    Titolo originale: Get Rid of Your “Couldn’t”. Insegnata da Yogi Bhajan il 9 aprile 2001

    Quante volte ho pensato di fare per me questa meditazione! e probabilnente prima o poi la farò.

    Non so tu, ma io riconosco che spesso nel corso della vita ho limitato me stessa pensando: ” Non posso andare…non posso riuscirci, non posso saltare, non posso amare…”, sono stata una vera professionista nel “non posso”.

    Sicuramente non mi sono autorizzata a vivere cose che nel tempo sono rimaste li, come sospese nello spazio delle possibilità inespresse..spazi che facilmente, nel tempo, possono degenerare in rimpianti, o sensi di colpa o altro ancora. Quando questo accade la vita può diventare molto pesante.

    Se anche tu fai farte di questo gruppo di persone esperte nel porsi dei limiti, allora forse questa meditazione è proprio per te.

    Commento originale

    Ricordi quando volevi venire a lezione e dicevi “non posso”? Ricordi quando volevi alzarti la mattina e stare con il tuo Dio e invece dicevi: “Non posso”? Ricordi quando volevi amare e stare con qualcuno e decidevi: “Non posso”?
    Tutti i problemi su questo pianeta derivano da questo “non posso”.
    Ci fa scappare dal nostro dharma, dal nostro destino.
    Abbiamo bisogno di rendere la nostra volontà così pulita, chiara e positiva affinché il “non posso” non tocchi le nostre sponde.
    Il Kundalini Yoga ci toglie il “non posso” e ci dona la nostra eccellenza.
    Ogni sequenza ha una conseguenza e quando iniziamo una sequenza, la conseguenza sarà lì. Se non vuoi conseguenze, non iniziare la sequenza.

    Abbi quel controllo! Controlla il tuo “non posso!” Praticare un kriya con un mantra come questo ti dà un ritmo.

    Quando la tua vita è soggetta al ritmo, il tuo “non posso”svanisce.

    Prima di iniziare la pratica della meditazione

    Se hai deciso di praticare questa meditazine e non hai mai fatto il Kundalini yoga, per favore leggi questo post che ho scritto, dove illustro come aprire e chiudere lo spazio dello yoga. Segui il più possibile le istruzioni. https://adharmapiaceloyoga.com/struttura-di-una-lezione-di-yoga-kundalini/

    Brevemente ti ricordo che:

    • è importante aprire con i mantra destinati, e poi alla fine chiudire con gli altri.
    • rispetta la costruzione della meditazione, e non superare i tempi massimi dati.

    Per mantenere il tempo in modo corretto ti suggerisco l’utilizzo di un timer. Io continuo a servirmi del modello che illustro in questo articolo. https://adharmapiaceloyoga.com/praticare-e-insegnare-yoga-con-lutilizzo-del-timer/

    LA MEDITAZIONE

    Posizione: siedi diritto in Posizione Facile o Sukhasana con la schiena dritta, con un leggero jalandhara bandha, come se fossi il Signore Buddha.

    Mudra: incrocia il medio sul dorso degl’indice, bloccando le altre due dita piegate con i pollici, per entrambe le mani. Piega i gomiti e porta il mudra all’altezza delle orecchie. I palmi rivolti in avanti

    Occhi: gli occhi sono chiusi.

    Mantra: canta il mantra HAR dall’ombelico al ritmo di Tantric Har di Simran Kaur e Guru Prem Singh. Sii costante e coerente.

    Durata: 11 minuti massimo.

    Per concludere: rimanendo nella posizione della meditazione, per 2 volte di seguito;

    • inspira profondamente.
    • trattieni per circa 15/20 secondi. Lascia che il respiro e il mantra si moltiplichino nel tuo essere.
    • Espira.

    Quindi ancora una volta:

    • inspira profondamente e con forza.
    • trattieni e tira l’ombelico in dentro per circa 15/20 secondi.
    • espira e rilassati.

    Qui puoi trovare questa specifica versione di HAR come richiesto dalla meditazione:

    Meditazione tratta dal manuale:

    Success and the Spirit - Yogi Bhajan
    Success and the Spirit – Yogi Bhajan
  • Potrebbero interessarti

    Nessun commento

    Lascia un commento