• Meditazioni

    per ritrovare il ritmo del sè. meditazione

    Insegnata il 28 maggio 1997.

    In questa ripresa dei corsi per un nuovo anno di insegnamento ho scelto proprio questa pratica.

    Sarà che nei messi passati le varie esperienze della vita mi hanno portata a cercare un contatto con la mia parte più intima e misteriosa, come una necessità per vivere con coraggio e fiducia nell’incredibile fluire della vita, che non è mai avara di intense esperienze.

    Sono alla ricerca di un ritmo del Sé forse da sempre.

    Cosa vuol dire nel concreto dei pensieri e delle azioni? forse personalmente lo trovo quando mi sento felice di vivere senza una vera ragione per esserlo.

    Oserei affermare che sono nel ritmo del Sè quando dico si alla vita…e tu?

    Ma vi lascio alle parole di Yogi Bhajan e alla struttura della meditazione.

    “Lavoriamo sul riferimento incrociato dell’emisfero sinistro e dell’emisfero destro, al centro c’è il lobo frontale. Questo esercizio svilupperà in voi il ‘ritmo del sé’. Voi non avete il ritmo del sé. Se vi metteste un contatore del ritmo sareste scioccati dal vedere quanto la mente vacilli. È come un terremoto: 7.9 sulla scala Richter. Ecco perché nessuno riesce a godersi la vita”.

    “La fatica interiore assorbe il quaranta per cento della vostra energia e c’è solo un modo per sbarazzarsi di quella fatica: regolare l’energia attraverso il respiro della vita. Non c’è altra via d’uscita”.

    Prima di iniziare la pratica della meditazione

    Se hai deciso di praticare questa meditazine e non hai mai fatto il Kundalini yoga, per favore leggi questo post che ho scritto, dove illustro come aprire e chiudere lo spazio dello yoga. Segui il più possibile le istruzioni. https://adharmapiaceloyoga.com/struttura-di-una-lezione-di-yoga-kundalini/

    Oppure guarda questo video:

    Brevemente ti ricordo che:

    • è importante aprire con i mantra destinati, e poi alla fine chiudire con gli altri.
    • rispetta la costruzione della meditazione, e non superare i tempi massimi dati.

    LA MEDITAZIONE

    La meditazione è strutturata in 3 passaggi che vanno fatti esattamente così come sono indicati.

    Per tutta la durata della meditazione gli occhi sono semplicemente chiusi.

    Passaggio N°1

    Posizione: Siediti in Posizione Facile o Sukhasana con la spina dorsale diritta.

    Mudra: Porta le mani in Ravi mudra, le punte dei pollici e delle dita del Sole (anulari) si toccano e le altre dita sono diritte. Appoggia il dorso delle mani sulle ginocchia.

    Musica e respiro: Siediti tranquillamente per 30 secondi. Poi comincia a fischiare con la versione strumentale di Ardas Bhai (Healing sounds of the ancients #5).

    “Increspate le labbra e fischiate correttamente: non fischiate con la lingua, fischiate solo con le labbra”.

    Questa è la versione giusta della musica che devi usare.

    Durata: 9 minuti e 1⁄2.

    Questa meditazione la trovi in questo bellissimo manuale:

    Prana Prani Pranayama
    Le tecniche di respirazione del Kundalini Yoga. Dagli insegnamenti di Yogi Bhajan
    Lo trovi qui

    Passaggio N°2

    Posizione: Rimani seduto a gambe incrociate. Allunga la spina dorsale verso l’alto. Gira il palmo destro verso l’alto e il palmo sinistro verso il basso. Le braccia sono comodamente estese davanti del corpo, i gomiti e le mani sono a livello del diaframma.

    Respiro: Inspira consapevolmente in modo lento e profondo attraverso il naso ed espira profondamente attraverso la bocca. ”Guarda l’equilibrio delle mani, non c’è modo di creare alcuna tensione. Fai lunghe e profonde respirazioni e cerca di rilassarti. Questo porterà il tuo Sé interiore in un equilibrio incrociato”.

    Durata: 5 minuti.
    “Dovete imparare a darvi qualche minuto per sperimentare voi stessi. Non c’è esperienza migliore di quella. Inspirate attraverso il naso ed espirate attraverso la bocca. Usate le labbra. Sapete che è un modo molto semplice di vivere, quello che stiamo cercando di dirvi è che siete affaticati. Con meno fatica siete belli. Se qualcosa può eliminare la vostra stanchezza, state bene”.

    “Questo esercizio creerà un miracolo se lo fate accuratamente. Dopo tutto, che cos’è l’armonia? Equilibrio totale. Creerà equilibrio eliminando tutta la fatica dal corpo. Allora perché siete così sconvolti? Vi darà anche energia”.

    Passaggio N° 3

    Posizione: Metti la mano sinistra sul centro del cuore, al centro del petto, e la mano destra sulla sinistra. Mantra: Canta a voce alta dall’ombelico seguendo la melodia Ong Namo Guru Dev Namo, la versione di Nirinjan Kaur.

    Durata: 1 minuto.

    Chiusura della pratica:

    • Inspira profondamente.
    • Sospendi il respiro per 10-15 secondi mentre premi le mani al centro del cuore. Premi con forza e strizza tutto il corpo e contrai Mulabandha (strizza ano, organi genitali e ombelico).
    • Espira dalla bocca come un colpo di cannone.

    Ripeti questa sequenza per altre due volte.

    Cautele: per le donne con le meustrazioni e incinte non contrarre Mulabandha.

    Quindi ricordati di chiudere come indicato con il canto di Che il sole di illumini sempre e la vibrazione del Sat nam.

    CARI YOGI E YOGINI BUONA PRATICA!

    Fammi sapere se stai praticando questa sequenza e come va. Per qualsiasi dubbio o perplessità, per qualsiasi cosa scrivimi.

    Ti aiuterò con piacere.

    Dharma Kaur

    A SUPPORTO DEL MIO SERVIZIO:

    Per sostenere il mio impegno gratuito nel diffondere il Kundalini yoga, ti faccio qualche proposta di lettura e articoli che potranno servirti per la tua pratica e la tua ricerca evolutiva.

    Se farai acquisti entrando da qui mi potrai poi sostenere.

    Quindi un immenso grazie🙏

    Qualche manuale di Kundalini Yoga:

    Kundalini Yoga
    10 sequenze speciali – Posizioni e movimenti per riattivare il flusso energetico nei meridiani e alimentare gli organi collegati – Nuova edizione
    Kundalini Yoga
    Kundalini Yoga e Psicoterapia
    Una via per la consapevolezza
    La Psicologia del Kundalini-yoga
    Seminario tenuto nel 1932
    La Kundalini
    L’Energia Divina in Noi

    Qualche articolo per la tua pratica:

    Cuscino Zafu Zen Fantasia - Alto
    Cuscino per meditazione o yoga
    Scialle in Cashmere da Meditazione
    100% lana
    Tappeto Yoga in Lana Merino
    Pura lana merino e lattice naturale
    Pantaloni da Yoga in Cotone - Bianchi
    Per yoga, pilates e il tempo libero
    Panca Yoga
    Panca da meditazione in faggio, regolabile in altezza
  • Potrebbero interessarti

    Nessun commento

    Lascia un commento