• Parliamo di Yoga / Stile di vita

    I miei 6 album di Mantra preferiti | Aprile 2018

    Questo mese voglio focalizzare la vostra attenzione su alcuni CD che sono stati i miei preferiti e che nel corso degli anni passati hanno accompagnato tanti momenti della mia vita, sostenendomi quando ero stanca, triste, malinconica, riuscendo con le loro potenti vibrazioni a cambiare il mio stato in qualcosa di positivo, risvegliando il mio potenziale di vedere la vita sotto un altro aspetto. Non esiste, a mio avviso, una musica perfetta sempre, come cambiamo abbiamo necessità che cambi anche quello che ci circonda.

    I miei mantra preferiti

     

    Una voce d’angelo Ajeet Kaur, sta pubblicando a ruota libera una compilation dopo l’altra, se ancora non l’avete ascoltata è il momento di iniziare! Vi suggerisco di farlo con il primo CD “At the Temple Door” che è tutto bellissimo! Da subito sarete trasportati in uno spazio di leggerezza e devozione come pochi riescono a fare. Trovo che sia una compilation da ascoltare, più che da usare per accompagnare le meditazioni. Il mio brano preferito Breath of Life (Pavan Guru).


    Come fare a non dedicare uno spazio alla mitica Snatam Kaur? Il suo dono incredibile come interprete dei mantra della nostra tradizione l’ha fatta ormai conoscere oltre i confini del Kundalini yoga. I suoi CD sono numerosi bellissimi, un riferimento non solo per me, ma per tanti. Voglio suggerirvi una nuova recente compilation “Light of the Naam: Morning Chants”, dedicata ai mantra della Sadhana ( la pratica che si fa alla mattina presto). Sono sempre alla ricerca di versioni che mi piacciano, così posso essere ispirata per questa pratica che non è sempre facile fare.


    Era da tempo che non riascoltavo quella che è stata uno dei miei primi amori, che ha accompagnato quotidianamente un’estate di grandi cambiamenti e i miei primi passi da insegnante: Satkirin Kaur, una grande musicista dalla sensibilità sofisticata, sono certa che ve innamorerete com’è accaduto a me. Il suo primo CD che ho acquistato è Universal Prayer, un viaggio meraviglioso nel potere del cuore e della devozione!

    Già dal primo brano “Namo Namo” si viene trasportati in uno spazio di positività incredibile. ricordo una notte di Agosto in Puglia, aspettando di vedere le stelle cadenti con questa musica nelle orecchie e il viso rivolto verso il cielo, tutto mi sembrava possibile, la mia vita si stava trasformando potentemente e la paura spariva…
    Ci sono altre sue interpretazioni di mantra che mi piacciono molto, come “Bisara Ga-ee” un crescendo a cui devi solo abbandonarti, l’ipnotica “Akhan Jor” perfetta per una danza senza fine, “Simara Simara” che soltanto ascoltandola non poterne fare più a meno e “Mu Laalan”… quante volte l’ho cantata a squarcia gola!


    Una bellissima voce maschile, quella di Ram Singh, anche lui allievo del mio maestro spirituale Shiv Charan Singh. Ho avuto il privilegio di godere della sua musica dal vivo in tanti momenti durante le sadhane della mattina, quando ancora non aveva pubblicato niente. Per iniziare a conoscerlo vi suggerisco di cominciare dal suo primo album Har Ji-Mirror of the Soul, dove troverete una versione molto bella di “Ardas Bhai” che, a mio avviso, è perfetta per la meditazione contro la Shakti Pad, che ho praticato per un po’ tempo fa; ma anche “Har Ji” ideale per un’altra importante meditazione sulla comunicazione. Ricordatevi di “Mool Mantra Relaxation”, che è da usare assolutamente nel rilassamento; ricordo una allieva carissima che la faceva andare sempre la sera, quando approdava finalmente al letto, per addormentarsi.


    Jai Jagdeesh Kaur è stato un incontro imprevisto, anni fa acquistai il suo primo CD “I am thine” curiosando, come faccio di solito, sul web. Ho acquistato il suo CD spinta dalla potenza della sua voce e poi mi sono ritrovata, per un periodo, ad ascoltarlo in continuazione. La sua voce mi aveva stregata, letteralmente.

    Le mie canzoni preferite, che amo alla follia cantare in macchina, sono: “Satigur Kar Deenai” e “Om Namah Shivaya Raam”, mi fa scoprire possibilità nella mia voce che non credevo di avere. Anche “I am Thine” è magnifica! Sì insomma, un album che non può mancare se amate le interpretazioni degli antichi mantra fatte dalle voci potenti di oggi.


    Gurunam Singh è un musicista che porta tutto il sapore della musica country in un mix davvero interessante, in cui non si perde il rispetto per i mantra e il loro potere. Ho scelto questa edizione speciale “Honoring the divine Feminine” dedicata a un inno importante scritto dal Guru Nanak, il primo dei 10 Guru, che onora il femminile: Bhand Jammee-ai. Attraverso questa Shabad puoi sviluppare riverenza e sacralità nei rapporti con le donne. La corrente sonora che viene generata da questa preghiera, ha il potere di rimuovere la fobia e la rabbia verso la madre. La puoi recitare o cantare per aprirti alla divina energia femminile. Meraviglioso no?


     

    Questi sono gli album di mantra che in questi anni mi hanno rapita. Visto che sono sempre alla ricerca di nuove scoperte ti chiedo se hai voglia di condividere con me alcuni dei tuoi Mantra preferiti con me! Puoi farlo lasciandomi un commento poco più giù.

  • Potrebbero interessarti

    Nessun commento

    Lascia un commento