• Essere Donna

    IL CICLO DELLE 11 LUNE DELLA DONNA

    «L’essenza di una donna è la Luna nella sua qualità»
    Yogi Bhajan

    Nel grande viaggio della scoperta di chi sono come donna, un grande grazie sento di doverlo dare alla tecnologia di Yogi Bhajan, all’interno dei tanti insegnamenti che ci ha lasciato, esiste una parte molto importante dedicata ai tanti aspetti del femminile, come la gravidanza, la menopausa, l’essere madre, la donna nei suoi molteplici aspetti.

    Non so, e non ho mai approfondito, da dove tanti di questi insegnamenti arrivino, quello che conta per me è che osservandoli e cercando di metterli in pratica, qualcosa di buono è successo nella mia vita; nel tempo, dopo anni, ho l’impressione che grazie a loro qualche tassello del mio essere donna sia andato a posto.

    Proprio per questo ci tengo a condividerli con te, vorrei anche rassicurarti che non devi abbracciare totalmente il Kundalini yoga o diventare Sikh, o girare la schiena ad altro in cui credi, semplicemente ascoltati, e se tutto questo ti risuona e incuriosisce…allora prova, e vedi dove ti porta.

    Il ciclo delle 11 lune

    Il Kundalini Yoga ci conferma la nostra essenza lunare con il ciclo mestruale e quello proprio della luna, ma ne aggiunge un terzo, quello delle 11 lune.

    Questo Ciclo è caratterizzato da un percorso che l’energia della luna fa attraverso una serie di punti, appunto 11, infatti ogni 2 giorni e ½ si sposta in un centro differente, in un viaggio di 28 giorni e 4 ore. Ogni punto lunare è collegato ad una specifica zona del corpo, come l’ombelico, le sopracciglia, i lobi delle orecchie.

    La sua particolarità è che ogni luna governa uno specifico stato emozionale, quando ti sposti in un nuovo Centro Lunare ti relazioni al mondo attraverso le qualità di quel centro e ne sarai profondamente influenzata. In quei 2 giorni e ½ adotterai certe qualità per realizzare le tue idee, mettere in pratica i tuoi progetti, sostenere ed ampliare la tua creatività.

    Il proprio ciclo lunare

    Un aspetto fondamentale è che ogni donna ha il suo specifico ciclo dei Centri Lunari che si crea alla tua nascita e rimane con te per tutta la tua vita. Difficilmente questo ciclo si modifica, può accadere in seguito ad trauma intenso, come un incidente molto grave.

    Per esempio, se una donna una mattina è nel Centro Lunare del collo, si sente molto aperta e romantica, si ferma a rimirare la bellezza della natura, commuovendosi per un nuovo fiore appena sbocciato, si sente come un’eroina nel pieno di una grande avventura, in cui una persona sconosciuta incontrata sull’autobus diventa una protagonista di una grande storia d’amore. Se qualcuno le dice un buongiorno solito, lei lo accoglie come un regalo dell’universo. Sorride, si sente femminile e ha voglia di vestirsi con colori leggeri e cose morbide.

    Il giorno successivo si sveglia con il Centro Lunare delle labbra. Ha una voglia imperiosa di parlare e chiamare proprio quell’amica per raccontarle tutti gli ultimissimi avvenimenti, e non può proprio aspettare!  Così finisce per fare tardi al lavoro, per strada riesce comunque a comunicare con il bigliettaio, il portiere dello stabile, e la donna delle pulizie, ha piacere a scambiare con tutti qualche parola e si sente profondamente arricchita da tutti questi scambi. E la sera continuerà a chiamare amiche finendo a notte fonda di raccontar loro segreti e avventure.

    Puoi iniziare, forse, a riconoscere che spesso è proprio così, che passiamo da uno stato ad un altro velocemente, che un giorno vogliamo parlare tutto il tempo e il giorno dopo i libri  e il divano sono i nostri migliori amici.

    Essere “lunatica”

    Tanti anni fa, quando ho appreso l’esistenza di questo aspetto lunare, è stato scioccante nel senso buono, perché in qualche modo la sua scoperta ha portato una sorta di serenità dentro di me, finalmente mi sono sentita compresa in una mia parte, quella emotiva, che spesso mi ha causato sfide e lavoro interiore molto intenso. Nelle varie fasi che ho attraversato come bambina, adolescente e poi giovane donna e infine donna, tante sono state le volte in cui mi sentivo definire “lunatica”, probabilmente è successo anche a te, sempre con un’accezione negativa. Quello che ho vissuto è che ho finito con il portarmi dietro un senso di avere qualcosa di sbagliato, di eccessivo, come se le emozioni che provavo e manifestavo fossero state messe li da qualcuno.. non si sa bene chi,  solo per creare problemi a me stessa e soprattutto agli altri.  Ci è voluto tempo per riuscire a vivere le emozioni come una parte di me preziosa e arricchente, e il cammino non è ancora finito.

    Elaborare il tuo schema dei centri lunari

    Quindi posso rassicurarti che relazionandoti consapevolmente a questo Ciclo della Luna, imparando a riconoscere quello che ti appartiene dalla nascita, diventando consapevole di ogni singolo punto lunare, delle sue caratteristiche, dello stimolo delle sue qualità e sfide; sicuramente sarai aiutata a godere della ricchezza del tuo fluire emotivo, imparando a riconoscere, gestire e canalizzare le tue emozioni, e soprattutto ad avere una direzione verso quella che è la tua natura di base di donna come essere profondamente creativo e intuitivo.

    Ricostruire il proprio ciclo lunare

    Mi auguro che a questo punto sarai curiosa di sapere come fare ad individuare il tuo Ciclo.

    Come fare a sapere in quale Centro Lunare ti trovi?

    Personalmente in tanti anni ho cercato di determinare le mie 11 lune attraverso l’autoascolto, tenendo un diario, per accorgermi che è un’impresa molto ardua ( almeno per me), richiede non solo una grande capacità di auto osservazione, ma anche di essere neutrale e oggettiva nel decodificare i tuoi pensieri, comportamenti, emozioni. Confesso che mi ero molto scoraggiata, la speranza di riuscirci stava svanendo sempre di più, fino a quando non ho scoperto di potere farlo con l’aiuto di un pendolo. Certo questo non vuol dire che devi smettere di fare attenzione a cosa succede in te ad ogni luna, anzi avere un’ancora attraverso questo mezzo, può rilassarti così da permetterti di osservare con ancora più profondità e attenzione i tuoi processi mentali e emotivi.

    Gli strumenti che ti propongo

    Tre sono le strade che ti suggerisco di tentare.

    • La prima è di tenere un diario per almeno due o tre mesi, o per il tempo che ti sarà utile per individuare il tuo ciclo, l’importante è che osservi con attenzione il tuo stato emotivo e lo annoti ogni giorno. Osservare se stessi costantemente, è un processo che richiede una grande capacità di ascolto, pazienza e determinazione. Nel caso tu decidessi di farlo così, ricordati di coinvolgere anche qualche persona che ti conosce molto bene, così da avere un riscontro e un aiuto in un dialogo rispettoso e amichevole.
    • La seconda è l’utilizzo di un pendolo, per seguire questo metodo è comunque importante che tu abbia fiducia in quello che il pendolo ti segnalerà, e che non lo vivi come una specie di stregoneria, o qualcosa di poco scientifico ( naturalmente puoi sempre approfondirne l’utilizzo con uno dei tanti libri in circolazione).
    • La terza che è quella che preferisco, è l’utilizzo di entrambi sia il diario, che il pendolo.

    Come utilizzare il pendolo

    È una procedura in sé molto semplice: basta munirsi di un pendolo, la lista dei centri lunari e un calendario, oppure un diario o un semplice quaderno in cui annotare tutto. In alternativa al pendolo puoi utilizzare una catenina con un anello infilato.

    1. Con una mano tieni il pendolo di fronte a te, collocando l’altra sotto il pendolo con il palmo rivolto verso l’alto. Prenditi il tempo per concentrati, la focalizzazione al respiro ti aiuterà a prendere consapevolezza di quello che stai facendo. Quindi, fai dei bei respiri profondi.
    2. Inizia a pronunciare la parola “Sì” in modo continuo, a voce alta o mentalmente, continuando a rimanere presente. Prendi nota di come il pendolo inizia a reagire spostandosi in avanti o indietro, in senso orario o antiorario.
    3. Ora fai la stessa pronunciando o pensando il “No.” Come ti renderai conto i movimenti del pendolo ai “no” e ai “sì” sono differenti, quindi prendine nota!
    4. Adesso chiedi “Sono nel Centro Lunare delle sopracciglia?”, osserva la risposta del pendolo e prendine nota. Vai avanti con la stessa domanda cambiando centro lunare fino a quando il pendolo non ti dirà si.
    5. Ora chiedi in che giorno sei del tuo centro lunare chiedi al pendolo “Sono nel primo giorno del mio….” Quando hai scoperto in che giorno sei, fai una nota sul calendario e interroga di nuovo il calendario a con una cadenza di 2 giorni e mezzo per scoprire via via quali sono i centri successivi.
    6. Giorno dopo giorno, quando avrei completato la sequenza di tutti gli 11 centri avrai ottenuto il tuo ciclo lunare.

    Le 11 lune

    Ecco l’elenco delle lune, ognuna prende i nome dalla zona del corpo in cui si manifesta l’energia lunare.

    11 CENTRI LUNARI

    Sopracciglia

    Solo Dio sa quello che vuole. Quando la luna è in questo punto la donna costruisce castelli in aria, è immaginativa e vive d’illusioni. Sono giorni in cui nascono idee fuori dall’ordinario, adatti per scrivere una storia, una poesia, ma non per prendere decisioni importanti.

     Linea dei capelli

    In termini di sensibilità, questo è il punto più importante. Quando la luna è in questo punto, niente può smuovere la donna, nemmeno di un centimetro, dalla decisione presa. Momento in cui è più vicina alla verità, è centrata, autorevole e sensibile. Neutrale, intuitiva, estremamente abile nella comunicazione. La sua linea d’arco esplica le sue funzioni proiettive. È una vera donna. Sa chi è, è molto consapevole. è un ottimo momento per prendere decisioni!

    Guance

    Zona molto pericolosa, dove la donna perde il controllo. Può distruggere le proprie relazioni, diventa reattiva, emotiva, folle. Spesso coincide con la sindrome premestruale, momento assai difficile che la allontana dalla sua grazia. La luna più emotiva, illogica e ingannevole; si dicono cose che non s’intendono dire.

    Lobi delle orecchie

    Quando la luna è in questo punto, la donna analizza sé stessa e gli altri. Usa la sua moralità e guarda al bene e al male nel mondo. Non solo è sensibile alle ingiustizie, ma si spinge fino al punto di intervenire usando i mezzi che ritiene opportuni. Mette in discussione ogni valore, vuole parlare dei valori. Andrà al caffè e parlerà di Dio e del mondo, dei figli, della società… fino alle 2 del mattino. Se la chiami la settimana dopo per chiederle se vuole andare al bar di nuovo a parlare, non sarà affatto interessata.

    Parte posteriore del collo

    La luna in questo punto rende la donna molto romantica nel modo di comunicare: un piccolo gesto come un omaggio floreale può farla commuovere. È un momento in cui può flirtare con persone e idee . È un momento di leggerezza in cui si possono provare cose nuove. Ma non è adatto a incontri, situazioni o impegni di lavoro importanti che richiedono attenzione e cura.

    Labbra

    La luna in questo punto influisce sulla comunicazione femminile in due modi opposti. Se è una donna che pulisce regolarmente il suo subconscio attraverso la meditazione e segue una buona dieta, allora la sua comunicazione diventa molto efficace, effettiva; altrimenti l’effetto sarà opposto. Comunque vuole parlare, parlerà a tutti per strada o mentre sta facendo acquisti. Chiamerà tutte le amiche al telefono al ritorno a casa. Lei vuole proprio parlare.

    Ombelico

    La luna in questo punto, o in quello corrispondente all’ombelico nel retro della colonna, porta la donna a essere più insicura rispetto a qualsiasi altro momento del ciclo lunare. Diventa molto sensibile alle critiche. Ha l’impressione che, ora, la sfida sia troppo grande per lei.

    Interno delle cosce

    Quando la sua energia lunare è qui, la donna si prende cura dei dettagli a livello quasi ossessivo. Tutto va fatto, ha bisogno di sentirsi produttiva. Vuole ratificare, stabilire confermare. È convinta e ostinata nelle affermazioni così come nelle azioni… sa cos’è la realtà e nessuno dovrebbe contraddirla. È proprio determinata sicura che la sua via è corretta!

    Seno, capezzoli

    La luna al punto del seno rende la donna compassionevole, così propensa a dare da rasentare la stupidità. La centratura e l’apertura del cuore creano difficoltà nel delimitare i propri confini: potrebbe accettare o condividere idee o piani con cui non sarebbe mai d’accordo in altri momenti. Affinché non si perda deve avere obiettivi chiari e stima di sé stessa.

    Clitoride

    La donna in questa luna è dell’umore di parlare, socializzare, incontrare persone nuove, essere molto affascinante. Radiosa, perfetta per una festa, per un vestito nuovo. Le piace creare contatti e stabilire relazioni.

    Membrana della vagina

    In questo momento la donna socializza, condivide, partecipa. Non in senso sessuale,  ma sociale. Amerà stare con le persone. Gradisce attività sociali nelle quali poter parlare con le persone. L’energia della luna influenza il livello emotivo, per questo la sessualità non interviene. Profonda, pronta a condividere nel ciclo personale o culturale.

    Per approfondire: Corso in diretta online di 7 incontri dedicato al Ciclo delle 11 lune.

    A Ottobre prossimo prenderà il via il secondo ciclo di 7 incontri completamente dedicato alla ricostruzione del proprio ciclo delle 11 lune.

    Qui troverai tutti dettagli più importanti:

    FIGLIA DELLA LUNA: IL CICLO DELLE 11 LUNE

    Se sei interessata e hai curiosità, domande, lasciami un commento, così che posso aiutarti e condividere la mia personale esperienza.

  • Potrebbero interessarti

    3 Comments

  • Reply Seva Nihal Kaur 3 Ottobre 2020 at 11:21

    Meraviglioso articolo…. Mi ha riportato a voler continuare un viaggio interrotto tempo fa… Appunto la scoperta dei miei centri lunari…
    Grazie 🌸

    • Reply Dharma 6 Novembre 2020 at 14:53

      Grazie Seva Nihal Kaur, il mio intento era proprio quello di stimolare altre donne a entrare in una relazione con i propri centri lunari.Io lo sto facendo con particolare attenzione in questo periodo e mi sta aiutando tanto a ricnoscere mie erazioni a situazioni, come anche doni che esprimono senza che io faccia niente, devo solo ricnoscerli. Buon percorso! e se ne avrai voglia condividi questa ripresa con un piccolo comemnto tra un pò…

  • Reply Karam Prem K. 28 Novembre 2020 at 14:56

    Un bel viaggio alla scoperta delle nostre emozioni. Non ho mai approfondito questo aspetto del kundalini yoga ed è stato come sempre un piacere leggere il tuo articolo. Un forte abbraccio 🌷

  • Lascia un commento