• Mantra / Meditazioni / Pranayama e respiro / Pratichiamo Yoga / Sequenze

    Come si apre e chiude una pratica del Kundalini Yoga

    In questo articolo voglio riassumerti velocemente le due cose da fare sempre per tutte le pratiche del Kundalini Yoga.

    Sono mantra molto importanti da vibrare a voce alta prima di iniziare e alla fine, e sono:

    1. Apertura con l’Adi Mantra e il Mangala Charan Mantra
    2. Chiusura con il canto di Che il sole ti illumini sempre e il mantra Sat Nam.

    Se invece hai la necessità di organizzare una tua pratica autonoma più articolata, ti suggerisco di leggere l’articolo dove illustro tutti i componenti di una lezione tipica di Kundalini Yoga.


    Posizione per entrambi i momenti

    POSIZIONE: ti siedi in terra a gambe incrociate in Posizione Facile o Sukhasana . Allinea bene la colonna.

    MUDRA: porta i palmi a contatto, nel mudra della “preghiera”, con le dita ben stese. Sistema il mudra al centro del petto, facendo attenzione a che la seconda falange dei pollici prema contro lo sterno, a livello circa della quinta, o sesta costola.

    OCCHI: chiudi gli occhi focalizzandoli al punto in mezzo alle sopracciglia, il “terzo occhio”, lì dov’è collocato il sesto chakra, Ajna.

    APERTURA CON I MANTRA

    Ora sei pronto per iniziare a vibrare a voce alta l’Adi mantra il Mangala Charan Mantra.

    Adi Mantra

    ONG NAMO GURU DEV NAMO

    Mi inchino all’energia creativa, mi inchino alla saggezza sottile.

    Qui puoi ascoltarlo👇

    Va vibrato 3 volte di seguito, combinando il respiro così ogni volta: dopo aver inspirato profondamente dal naso, espirando vibralo a voce alta.

    Importante: devi fare attenzione a che il suono dell’ong risulti nasale, deve infatti vibrare nelle camere anteriori dei seni nasali e del palato superiore della bocca. Facendolo vibrare in questo modo stimolerai la ghiandola pituitaria e l’ipotalamo. Per aumentare la risonanza del suono nella cavità del palato, tieni la bocca è leggermente aperta. La lingua va tenuta premuta gentilmente contro il palato alto.

    Questo mantra puoi recitarlo, anche in due respiri, con una brevissima inspirazione dalla bocca dopo Namò, prima di iniziare la seconda parte del mantra con Gurudev. Ormai non lo fa quasi più nessuno, ma può essere utile se non hai una grande capacità respiratoria.

    Qui puoi ascoltarlo👇

    Vibrando il mantra per 3 volte:  la prima fissa la vibrazione nelle varie del corpo, la seconda proietta internamente la vibrazione, e la terza ci connette al nostro Sé superiore.

    Questo mantra è un invito al nostro Sé più alto a prendere la guida e sostenere il corso dell’esperienza, ricorda alla mente che non è il nostro ego che praticherà o insegnerà il Kundalini Yoga. Ci permette di creare uno spazio sacro dentro e fuori di noi, di ascolto sensibile e intuitivo di noi stessi; le vibrazioni che ne derivano sono potenti e ci preparano profondamente per avventurarci nella pratica.

    Mangala Charan Mantra

    Non è obbligatorio vibrare questo mantra, puoi scegliere se farlo o no, siccome è un mantra di  protezione fisica e psichica, io lo faccio sempre. Con questa vibrazione rinforzerai potentemente il campo elettromagnetico che avvolge il nostro corpo fisico, così che avrai maggior sostegno per vivere al meglio la pratica dello yoga.

    AD GUREH NAMEH, JUGAD GUREH MANEH, SAT GUREH NAMEH, SIRI GURU DEV NAMEH

    Mi inchino alla saggezza che era all’inizio

    Mi inchino alla saggezza che esiste attraverso ogni era

    Mi inchino alla vera saggezza

    Mi inchino alla grande divina saggezza

    Anche questo mantra si recita per 3 volte di seguito, ma lo devi fare con un ritmo specifico che è di quattro battute, quasi non c’è pausa tra una ripetizione e l’altra. Non preoccuparti per il respiro che si regola da solo.

    Qui puoi ascoltarlo👇

    CHIUSURA CON I MANTRA

    Che il sole ti illumini sempre

    Yogi Bajan ha aggiunto nel corso del suo insegnamento una canzone composta da alcuni suoi studenti, che è stata cantata in inglese per tanto tempo anche in Italia; da diversi anni sempre più spesso viene cantata in italiano; se lo desideri la potrai cantare prima in inglese e poi in italiano, o anche solo in inglese. Io ormai lo faccio solo in italiano, mi piace in questo momento seguire il senso semplice e profondo delle parole.

     Ecco il testo:

    May the long time sunshine upon you
    All love surrend you
    And the pure light within you
    Guide your way on
    
    Che il sole ti illumini sempre
    L’amore ti circondi
    E la pura luce dentro te
    Guidi il tuo cammino
    
    
    

    Qui puoi ascoltare quella in inglese👇

    Qui puoi ascoltare quella in italiano comprensiva anche del Sat nam finale👇

    Cantare “Che il sole ti illumini sempre” è come prendere l’energia generata dalla pratica della lezione e della meditazione, depositarla nel profondo del proprio cuore e della propria anima, inviarla a se stessi o a chi si desidera come un messaggio di pace, amore e luce, e prepararsi a rientrare nel mondo materiale con fiducia e chiarezza.

    Chiusura con il Sat Nam

    La chiusura finale è con il mantra Sat Nam: Vera (Sat) Identità (Nam). Che devi vibrare per 3 volte di seguito, ad ogni espirazione  a voce alta vibra un lungo Sat (è circa sette volte più lungo di quello del Nam) e un corto Nam.

    Qui puoi ascoltarlo👇


    Qui trovi anche un video che ho fatto al riguardo:



    Qualche manuale di Kundalini Yoga:

    Kundalini Yoga e la Meditazione
    L’evoluzione a un mondo centrato sul cuore
    La Kundalini
    L’Energia Divina in Noi
    Kundalini Yoga

    Qualche prodotto al servizio della tua pratica:

    
    
    
    
    
    
    
           
        		
    
        	            
                
                            
            	
                      
        	
  • Potrebbero interessarti

    Nessun commento

    Lascia un commento